Ricerche e studi

Vincenzo Padula è il primo a ricordare nella propria opera (1860-1880) le rovine di Castiglione.
La documentazione d'archivio attesta che la presenza di resti antichi a Castiglione di Paludi fu segnalata nel 1927 dall'Ispettore Onorario alle Antichità ed Arte Giacinto d'Ippolito. Esplorazioni sistematiche furono condotte tra il 1950 ed il 1956, in seguito all'avvio di indagini non autorizzate lungo un tratto della cinta muraria. I lavori, diretti dal Soprintendente Giulio Iacopi e seguiti dall'Ispettore Giuseppe Procopio, interessarono ampi tratti del circuito murario di fortificazione del colle, che subì parziali interventi di restauro. Si mise in luce l'area della monumentale Porta Est con le due torri circolari, la torre ubicata sul versante Nord della collina, una seconda porta d'accesso lungo il tratto Sud-Est delle mura (Porta Sud-Est). Nell'area interna al circuito murario venne indagata un'area pubblica: vi furono sterrati una struttura a pianta semicircolare in cui si riconobbe un teatro ed alcuni edifici vicini a pianta rettangolare; ad Est di essi fu messa in luce una poderosa struttura muraria in blocchi, nota come "Lungo Muro". Ci si concentrò, inoltre, nella ridotta spianata immediatamente esterna alla Porta Est, dove venne intercettata una stipe votiva. Infine in località Piana Agretto, ubicata a valle della grande Porta Est, fu parzialmente scavata una necropoli con sepolture databili al IV-III sec. a.C., le quali coprivano più antiche tombe enotrie dell'età del Ferro (IX-VIII sec. a.C.).
Dopo un ridotto saggio di verifica eseguito nel 1973 nell'area antistante la Porta Est, la ricerca è proseguita dal 1978 sino al 1995.
La prima campagna triennale di indagini (1978-1980), diretta da Pier Giovanni Guzzo, si poneva gli obiettivi di definire l'estensione e l'ambito cronologico della cinta muraria e, più in generale, dell'abitato ellenistico, oltre che di individuare le aree d'intervento aperte durante gli scavi Iacopi-Procopio, producendone un'accurata documentazione grafica. Si chiariva come gli sterri operati negli anni '50 avessero messo in luce gli edifici sino al terreno vergine, compromettendo qualsiasi possibilità di una corretta lettura stratigrafica. Si acquisivano maggiori elementi di conoscenza sul sistema difensivo, sull'area del "Lungo Muro" e sull'edificio di tipo teatrale.
Nella porzione centrale del Pianoro Nord si identificava, infine, un'area di abitazioni private, nota come "Abitato Nord", indagata sistematicamente nelle successive indagini dirette da S. Luppino (1981-1995). Vi sono stati messi in luce alcuni edifici (Edifici I-V) di notevole estensione (da 130 a 400 mq) databili tra la seconda metà del IV ed il III sec. a.C. Il più recente scavo effettuato nel 2008, dopo 13 anni di sospensione della ricerca, ha permesso di in individuare importanti strutture che permettono una nuova lettura delle soluzioni poliorcetiche usate nella costruzione della cinta muraria di Castiglione.

Porta Est. Scavi 1950-1956

Porta Est. Scavi 1950-1956

Mura Sud-Est. Scavi 1950-1956

Mura Sud-Est. Scavi 1950-1956

Scavi 1950-1956. Il gruppo di lavoro

Scavi 1950-1956. Il gruppo di lavoro

 

english text

english text

 

 

 

COMUNE DI PALUDI - Piazzale Francesco Epifanio Salatino n. 1 - 87060 Paludi (CS)
Tel. 0983.62029 - Fax 0983.62873
Partita IVA: 00364800789

 

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.249 secondi
Powered by Asmenet Calabria